Ignazio Silone Web

 
 

[Home]
[Su]
[Una sera, verso la fine del 1963]
[In forte anticipo sui tempi]
[Socialista e fondatore del PCdl]
[Il fallimento dell’ideale comunista]
[Il fratello Romolo]
[Il periodo più duro della sua vita]
[Gabriella]
[Il racconto di Fontamara]
[Aline]
[In Svizzera, in esilio]
[Darina]
[In Italia: 1944-1978]

 

Il filo della vita



 

In forte anticipo sui tempi

 

La mia esperienza non assomiglia a quella di nessun altro, disse un giorno Ignazio Silone a chi proponeva  somiglianze tra la sua vita e quella di altri esuli del comunismo. Infatti, Silone, come altri,  ha  vissuto e riflettuto sulle esperienze politiche del secolo ventesimo, ma, a differenza di altri che si sono fermati alla critica dei modi, Silone, con eccezionale preveggenza,  è andato oltre nelle analisi, anticipandone gli sviluppi.  Silone è stato  sempre in forte anticipo sui tempi: come  quando, tra i  fondatori del Partito comunista d'Italia, ha precocemente avvertito e contestato le degenerazioni dello stalinismo;  e quando, in piena età della Terza Internazionale, ha rivalutato Proudhon e prefigurato  il socialismo senza Marx. 

Nel panorama politico e letterario italiano, e non solo, del  Novecento,  Silone occupa invero un posto eccezionale:  dirigente del movimento operaio che lotta clandestinamente nell’Italia fascista e che, già negli anni Trenta, si avvede delle degenerazioni del  comunismo sovietico e si impegna, negli scritti politici e nella narrativa, sul doppio fronte dell’antifascismo e dell’anticomunismo;  romanziere,  di fama internazionale, di quell’epopea novecentesca dei “cafoni” della Marsica, che è paradigma universale di lotte contadine perduranti nell’età industriale e della globalizzazione;  organizzatore della resistenza socialista durante la seconda Guerra Mondiale e, quindi, esponente di primo piano del socialismo autonomistico italiano;   intellettuale promotore, durante la Guerra Fredda, di iniziative internazionali per la libertà della cultura,  costantemente teso a manifestare nelle opere letterarie, nei saggi, negli articoli, nei discorsi, il proprio peculiare messaggio socialista e libertario, a radice cristiana.

Ma non c’è solo l’esperienza diretta a connotare il Silone politico e letterato:  la coerenza è l’elemento  su cui ha improntato tutte le sue scelte.    Ripercorrendo gli episodi salienti della sua vita, nel fitto intreccio tra le azioni e gli  scritti, nella consonanza tra vita e opere, la vocazione politica e quella  letteraria  hanno costantemente in comune la difesa dei cafoni del mondo, da cui tutto ebbe inizio.