Ignazio Silone Web


 
 

Home
Su
1900-1916
1917-1920
1921-1924
1925-1927
1928-1929
1930-1931
1932-1934
1935-1937
1938-1943
1944-1946
1947-1949
1950-1955
1956-1963
1964-1978

 

Cronologia

 

 1964 - 1978

 

 

1965

maggio

 

 

Pubblica (Vallecchi, Firenze, 1965) Uscita di sicurezza,  rifiutata da Mondadori.  Il saggio autobiografico verrà escluso l’anno seguente dal  premio Viareggio (per gli "ingiuriosi apprezzamenti contro Togliatti":  dichiarazione del presidente del premio, Leonida Répaci), ma vince il premio Marzotto.  Il direttore dell'Espresso,  Arrigo Benedetti,  scriverà  come "il passato di militante politico impedi' a Silone d'intonarsi alla figura eterna dello scrittore italiano, che in politica non commette mai errori perche' sta con tutti".

 

1965

dicembre

 

 

Segue l'evoluzione del Pci dopo la morte di Togliatti.

Gli interventi opposti di Amendola e di Ingrao e il loro conclusivo riallineamento con la linea del partito, gli fanno scrivere che si trattava di "illusioni ingiustificate":  il Pci e' "un colosso fragile" che privilegia la "furberia tattica". "Dopo aver fatto un passo avanti, questo colosso ne fa regolarmente due indietro... la riforma del comunismo non avra' luogo".

 

1966

giugno

 

Stati Uniti

Al XXXIV congresso del Pen Club a New York ribadisce, in polemica con Pablo Neruda, il ruolo degli intellettuali (in particolare degli scrittori dissidenti russi Siniavski, Daniel e Pasternak) rispetto al potere. Silone riceve la laurea ad honorem dall'Universita' di Yale.

 

1966

agosto

 

Rocca di Cambio

Inizia a scrivere L'avventura di un povero cristiano in un albergo a Rocca di Cambio.  Fa ricerche storiche all'Aquila,  nelle  biblioteche e nei conventi, gira per i comuni del Fucino, vede vecchi amici.

 

1967

maggio

 

Parigi

In una riunione del Congresso per la liberta' della cultura il direttore esecutivo dell'organizzazione confessa che durante vari anni la provenienza dei fondi erano sedicenti fondazioni dietro le quali stava la Cia.  Le notizie sui legami finanziari con la Cia rimbalzeranno in Italia dove Silone e Chiaromonte, che non erano a conoscenza dell'origine vera dei finanziamenti, decideranno di chiudere le pubblicazioni di  Tempo Presente.

 

1967

agosto

 

Pescasseroli

Termina a Pescasseroli, nell'estate del 1967, L'avventura di un povero cristiano.

 

1968

marzo

 

 

Pubblica L'avventura di un povero cristiano (Milano, 1968).

 

1968

settembre

 

 

L'avventura di un povero cristiano riceve il premio Super Campiello ed ottiene un grande successo di vendite.

 

1968

dicembre

 

Roma

Con il numero di novembre-dicembre Tempo Presente chiude le pubblicazioni.  L’articolo di commiato si intitola “Temi per un decennio”.  

 

1969

marzo

19/03/1969

Gerusalemme

Nel discorso di ringraziamento per l'assegnazione del Premio internazionale di letteratura, sviluppa il tema della necessita' di una societa' "assolutamente laica" e fa appello agli ebrei, che piu' di ogni altro popolo hanno conosciuto l'amarezza dell'esilio, a considerare con attenzione la sorte dei profughi palestinesi.  

 

1969

maggio

14/05/1969

Roma

Dibattito con Milovan Gilas sul destino del comunismo. “Dei molti rispettabili scrittori con i quali mi e' stata attribuita una sorta di fraternita' (talora con qualche mio disagio) il nome di Gilas e' il piu' giusto: le affinita' sono reali”.   Sono entrambi montanari ed esponenti politici fuorusciti dal comunismo.  Silone tende a sottolineare che l'occidente non puo' essere un modello valido per il postcomunismo.  Gilas e' d'accordo, con la precisazione che e' valido solo il ruolo primario, nel modello occidentale, della liberta'.

 

1969 

 

 

 

maggio

 

 

18/05/1969

Roma

Segue con interesse le vicende di dom Franzoni, abate di San Paolo, cercando una qualche attuale ripetizione di Celestino.   Ma, dopo aver ascoltato qualche predica nell'abbazia, sconsolatamente rileva che l'abate e' soprattutto un funzionario che vuol passare ad un'altra istituzione. 

1970

aprile

30/04/1970

Roma

In occasione della festa di compleanno organizzata con parenti e amici  per festeggiare i settant’anni, appare in non buone condizioni fisiche.

 

 

 

 

 

1970

 

 

Roma

Sergio Quinzio ricorda un suo incontro con Silone nel 1970: "era un uomo di settant’anni gia' minato dalla malattia, ripiegato in se stesso ed amareggiato dalle vicende familiari."

 

1970

giugno

09/06/1970

Roma

Redige il testamento.

 

1971

giugno

 

Parigi

Riceve il premio Cino del Duca per l'insieme della sua opera.  E' colpito da malore.

 

1971

 

 

Roma

Premio Presidenza del Consiglio “Penna d’oro” per la letteratura.

 

1971

dicembre

18/12/1971

Avezzano

E' ad Avezzano alla presentazione del libro di Luce d'Eramo,  L'opera di Ignazio Silone.

 

1972

 

 

 

Laurea ad honorem, Università di Warwick, Inghilterra

 

 

 

 

 

 

1972

aprile

 

Roma

Giorgio Bocca (racconterà su La Repubblica dopo la morte di Silone,  nel 1978) incontra Silone nel 1972: "ho conosciuto Silone tardi, ma in tempo per capire che cosa e' costato ad alcuni intellettuali rimanere tali negli anni dello stalinismo... Come diceva Voltaire? ‘diffamate, diffamate, qualcosa resterà’.  E di diffamazioni su di lui ne erano scese di continuo, gia' durante la guerra partigiana:  un traditore, un socialdemocratico amico della Cia, un informatore dell'Ovra,  si' un discreto scrittore gonfiato dalla propaganda americana. ... e io nel '72 incontro un vecchio con i polmoni a pezzi, che ansima, che deve fermarsi ogni tanto per riprendere il respiro: ma parla con l'intelligenza che non ha eta', con il distacco che non concede spazio alle delusioni".

1972

agosto

24/08/72

Fiuggi

In convalescenza, in albergo scrive:  “[…] ho sentito che un libro simile [Una manciata di more] non sono più in grado di scriverlo, da ogni punto di vista, e mi sono sentito un uomo finito.  Forse mi passerà, almeno lo spero”.

 

1972

ottobre

 

Lugano

Nonostante le incerte condizioni di salute si reca in Svizzera, per una conferenza.

 

 

1973

gennaio

 

 

Riceve la Légion d’Honneur, Francia

 

1973

novembre

 

 

Premio Gottfried Keller, Svizzera

 

 

1974

aprile

 

 

Nominato Cavaliere di Gran Croce, Repubblica Italiana

 

1974

novembre

 

 

In una lettera a Giselle Padovani scrive: "il lavoro langue come la salute, spero di andare avanti ancora per qualche anno."

 

1975

agosto

 

Pescina

Partecipa a Pescina ai funerali di Giambattista Barbati, amico di adolescenza e militante comunista.  Scrive a Margherita Pieracci Harwell: "dopo il funerale me ne sono tornato a Roma senza parlare con nessuno; a dire la verita' senza che nessuno mi trattenesse".  Il cugino Raffaele in una intervista dopo la morte di Silone  ricorda che "riparti' immediatamente... stava gia' in cattive condizioni".

 

1976

luglio

 

Roma

Iris Origo testimonia il ripiegarsi di Silone nella solitudine e nella meditazione.

 

1977

 

 

Roma

Si aggravano le condizioni di salute.  Subisce un delicato intervento chirurgico.

 

1977

giugno

 

Fiuggi

Dopo una grave crisi nella primavera, Silone soggiorna di nuovo a Fiuggi in convalescenza.  Inizia a scrivere il romanzo, incompiuto, Severina, che, a cura e con testi di Darina (e presentazione di Geno Pampaloni), sara' pubblicato nel 1981.  Nell' ottobre 1977, dopo la sua ultima partecipazione pubblica a una trasmissione di Vespa sui sessant'anni della rivoluzione d'ottobre, e' nuovamente ricoverato in clinica a Roma sino a dicembre.

 

1978

marzo

20/03/1978

Ginevra

Viene ricoverato alla Clinique Générale di Ginevra.

 

1978

agosto

22/08/1978

Ginevra

Muore alla Clinique Générale di Ginevra.

 

1978

agosto

27/08/1978

Pescina

Le ceneri di Silone, per volontà testamentaria, sono portate nel paese natale per essere sepolte “ai piedi del vecchio campanile di San Berardo, a Pescina, con una croce di ferro appoggiata al muro e la vista del Fucino in lontananza”.

  

 


Home ] 1900-1916 ] 1917-1920 ] 1921-1924 ] 1925-1927 ] 1928-1929 ] 1930-1931 ] 1932-1934 ] 1935-1937 ] 1938-1943 ] 1944-1946 ] 1947-1949 ] 1950-1955 ] 1956-1963 ] [ 1964-1978 ]